Skip to main content

Il Bouquet della sposa, ecco cosa c’è da sapere!

Il lancio del bouquet può essere considerato un’evoluzione di una precedente tradizione nata in Francia nel XIV secolo. Si credeva, infatti, che ottenere un pezzo del vestito della sposa portasse fortuna agli invitati. Per fortuna questa tradizione è mutata e dai pezzi del vestito si è passati a donare agli invitati fiori d’arancio che simboleggiano prosperità, amore, felicità e ricchezza.

La nascita del bouquet deriva dalla tradizione araba di ornare la sposa con dei fiori d’arancio, come augurio per una prole numerosa. Oggi invece la scelta dei fiori del bouquet mira ad essere coordinata con l’abito, a non macchiare e resistere per tutta la giornata. Secondo la tradizione il Bouquet rappresenta il suggello della conclusione del fidanzamento e l’inizio di una nuova vita insieme.

Il bouquet sarebbe così l’ultimo regalo da fidanzati e per tale motivo è sempre lo sposo ad acquistarlo, anche se a sceglierlo è sempre la sposa.

Sarà anche il protagonista del tanto atteso lancio che secondo la tradizione avviene all’uscita della chiesa, ma sempre più frequentemente oggi accade che venga lanciato alla fine del ricevimento. La sposa gira le spalle ad un gruppo di invitate, tutte ancora nubili, e lancia il suo bouquet: la tradizione dice che la ragazza che riuscirà ad afferrarlo sarà la prima a sposarsi o per meglio dire la prima che riceverà una proposta.

Ancora più fedele alla tradizione è invece la scelta della sposa di donarlo direttamente ad una persona cara a cui augura di ricevere la proposta. Il motivo del lancio o la consegna del bouquet è la tradizione a stabilirlo, in quanto vuole che il bouquet debba passare per tre diverse mani, non a caso lo sposo lo dona alla sposa che a sua volta lo dona ad una fanciulla non ancora sposata.

Molto spesso oggi si opta per avere due bouquet, così che, uno rimanga per ricordo, mentre quello consegnato dallo sposo la mattina del matrimonio e successivamente consegnato in chiesa dalla sposa alla suocera, venga lanciato. Questo non è obbligatorio e non è contemplato dalla tradizione, è solo una scelta per chi non vuole rinunciare al bouquet senza venir meno alla tradizione del lancio.